Scansione degli Scanbody: i punti chiave

scansione scanbody

Consigli per una scansione precisa degli scanbody, fondamentale nell’implantologia digitale

Nell’ambito dell’odontoiatria digitale, la scansione degli scanbody rappresenta un passaggio critico per garantire la precisione e la corretta realizzazione delle protesi su impianti. Il Laboratorio Odontotecnico Zaramella, con la sua pluriennale esperienza, offre consigli preziosi per ottimizzare questo processo.

Prima della scansione: accertamenti preliminari

La fase preliminare richiede attenzione a due aspetti fondamentali:

  • Serraggio degli Scanbody: Assicurarsi che gli scanbody siano serrati correttamente utilizzando il tork consigliato, specialmente in presenza di impianti con connessione conica.
  • Verifica radiografica: Prima di procedere, è essenziale verificare il corretto posizionamento dello scanbody sulla connessione implantare mediante radiografia. Questo passaggio è cruciale per evitare complicazioni quali corone ruotate o inadeguatamente posizionate.

Fasi della scansione degli scanbody

Una volta effettuati i controlli preliminari, si procede con la scansione vera e propria seguendo questi passi:

  • Rimozione del tappo di guarigione: Rimuovere il tappo e procedere rapidamente con la scansione del tragitto transmucoso, essenziale per la gestione accurata del condizionamento della gengiva e la selezione del TiBase adeguato.
  • Bloccaggio della superficie scansionata: Dopo aver scansionato la zona del canale trasmucoso è fondamentale “bloccare la superficie” scansionata nel software, per evitare che eventuali differenze rilevate in scansioni successive alterino i dati acquisiti.
  • Scansione dell’arcata rimasta: Completare la scansione dell’arcata dentale..

Consigli per la scansione efficace

  • Chiusura in cervicale: Quando si scansiona uno scanbody, è importante “chiudere” la scansione in zona cervicale, evitando che lo scanbody appaia “galleggiante” e a rischio di essere escluso dal software come scansione accidentale.
  • Quando nel primo percorso di scansione incontrate degli scanbody, rompete la regola di scansionare la superficie occlusale. Se è distante dalla superficie occlusale dei denti vicini il software potrebbe faticare a posizionare correttamente la superficie occlusale dello scanbody. Meglio inclinarsi in vestibolare o in palatale registrando continuamente superfici di mucosa.
  • Sequenza di Scansione: Per scanbody in posizioni complesse o vicini tra loro, consigliamo di scansionare il primo, bloccare la superficie, e poi procedere con il secondo dopo aver adeguatamente preparato la zona.

Perché la precisione è fondamentale?

Investire tempo nella scansione precisa degli scanbody non solo facilita il lavoro del laboratorio odontotecnico ma riduce anche i tempi e i costi legati a ritocchi e correzioni post-lavorazione. Una scansione accurata garantisce la realizzazione di protesi su impianti che si adattano perfettamente, eliminando la necessità di ulteriori interventi correttivi e migliorando significativamente l’esperienza del paziente.

Conclusione

La scansione degli scanbody richiede attenzione, precisione e una profonda comprensione delle tecniche e delle tecnologie impiegate. Seguendo i consigli del Laboratorio Odontotecnico Zaramella, è possibile ottimizzare questo processo critico, garantendo risultati eccellenti nella pratica dell’implantologia digitale. Ricordiamo che ogni dettaglio conta per il successo finale del trattamento, sottolineando l’importanza di un approccio accurato e meticoloso in ogni fase del processo di scansione.

Did you like this? Share it!

0 comments on “Scansione degli Scanbody: i punti chiave

Leave Comment